Comune di Campi Bisenzio

art. 44

Condizione giuridica ed economica

  1. Al Sindaco, agli Assessori e al Presidente del Consiglio spetta l'indennità di funzione, determinata con Decreto del Ministero dell'Interno. L'indennità è dimezzata per i lavoratori dipendenti che non abbiano richiesto l'aspettativa. 
  2. Ai Consiglieri comunali spetta un gettone di presenza per la partecipazione ai Consigli, alla Conferenza dei Capigruppo ed alle Commissioni istituite per regolamento. Il Consigliere può, su richiesta, chiedere che il gettone venga trasformato in una indennità di funzione. 
  3. Il Consiglio comunale delibera l'incremento o la diminuzione dei gettoni di presenza o delle indennità di funzione sostitutiva. In maniera analoga procede la Giunta per le indennità di funzione del Sindaco e degli Assessori. Il Consiglio comunale provvede ad adeguare la indennità spettante al Presidente del Consiglio ed al Difensore Civico a quella prevista per gli Assessori. Il Consiglio determina altresì il valore dell'indennità di funzione eventualmente richiesta dai Consiglieri che si avvalgono di questa possibilità, con apposito atto deliberativo, nell'ambito dei limiti stabiliti dalla normativa in materia. Il Regolamento sul funzionamento del Consiglio comunale definisce le modalità di applicazione delle indennità di funzione. 
  4. Il Comune assicura l'assistenza legale nelle sedi competenti ai Consiglieri, agli Assessori, al Sindaco, nonché a tutti quei soggetti che agiscono in rappresentanza del Comune e che si trovimo implicati, in conseguenza di fatti ed atti connessi all'espletamento delle loro funzioni, in procedimenti di responsibilità civile e penale, in ogni stato e grado del giudizio, purché non ci sia conflitto di interessi con l'Ente. In caso di soccombenza ovvero in caso di dichiarazione di colpevolezza accertata con sentenza definitiva, il Comune potrà esercitare la rivalsa ove ne ricorrano i presupposti.
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito