1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Progetto cofinanziato da
Unione Europea
Ministero dell'Interno
ITA.C.A. Italiano e Cittadinanza AttivaProgetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di paesi terzi ITA.C.A. Italiano e Cittadinanza Attiva - Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per la Integrazione di cittadini di paesi terzi
 
 
Contenuto della pagina
 

L'Accoglienza degli alunni stranieri neo-arrivati

La proposta progettuale per la redazione di un Protocollo di Accoglienza per gli alunni stranieri neo-arrivati si lega al percorso formativo offerto ai docenti nell'ambito del progetto ITA.C.A.

Incontro di formazione

Durante gli incontri, infatti, i docenti hanno attivamente lavorato alla costruzione del protocollo, prendendo come punto di partenza sia la propria personale esperienza in termini di buone pratiche, che i Protocolli di Accoglienza attualmente utilizzati dalle scuole.
In fase di redazione e documentazione la bozza progettuale è stata condivisa e revisionata dagli insegnanti referenti per l'intercultura di ciascun Istituto Comprensivo.

 

Contesto di riferimento

Campi Bisenzio si caratterizza come un territorio vario e ricco sul piano linguistico e culturale, storicamente aperto all'accoglienza e alle iniziative di carattere collettivo, rivelando in tal senso molte potenzialità, associate però anche a contesti sociali particolarmente sensibili. La lettura complessiva di questi elementi suggerisce la necessità di un approccio integrato nella progettazione, in riferimento ad un piano condiviso di gestione della diversità.
Il principale elemento di criticità è rappresentato dalla scarsa interazione sociale da parte delle famiglie italiane e straniere e poco tempo extra-scolastico condiviso fra i bambini e i ragazzi.
Fra le nazionalità più rappresentate sul territorio c'è quella cinese, maggioritaria in alcune aree, alla quale si associa nelle zona Centro e Centro-Nord una forte presenza di famiglie di madrelingua araba. Tutti e tre gli Istituti Comprensivi del territorio vengono inclusi nella categoria - aree esposte a forte processo migratorio.

Formazione docenti

Fra gli studenti che vengono considerati nella categoria - stranieri - un numero consistente è di 2° generazione (nati in Italia da genitori immigrati), anche se ancora numerosi sono gli studenti di 1° generazione.
L'attuale organizzazione degli Istituti scolastici in tre Comprensivi, è recente, di conseguenza ogni scuola ha sviluppato proprie pratiche e protocolli di accoglienza attraverso percorsi e tappe distinti.

 

Il personale docente possiede un' esperienza storica rilevante riguardo al coinvolgimento e alla partecipazione a progetti di carattere didattico-interculturale,in collaborazione con le realtà associative del Terzo settore sul territorio (laboratori linguistici e interculturali, formazione docenti, gemellaggi fra scuole) per l'integrazione e il supporto al successo scolastico degli alunni stranieri.
Nel tempo è stato avviato un proficuo rapporto di collaborazione con la Scuola Cinese, che, sul territorio condivide con quella italiana molti studenti. Tale rapporto, in alcune situazioni ha rappresentato un utile ed efficace strumento di contatto e mediazione, specialmente nella comunicazione e nell'interazione scuola-famiglie, anche se mostra ancora numerose potenzialità inespresse in ambito didattico.

Laboratorio intercultura

Una delle principali caratteristiche condivise da tutti gli Istituti del territorio è la presenza di classi ad abilità differenziate in riferimento alle competenze per la lingua e cultura italiana. Questo dato determina la necessità di un ripensamento nella progettazione e gestione dell'attività didattica, oltre che nel monitoraggio e nella valutazione degli studenti.
In linea con i dati nazionali, vengono individuate come tematiche sensibili e prioritarie il contrasto all'abbandono e il monitoraggio sul ritardo scolastico, rispetto alle quali gli Istituti del territorio, hanno messo in campo azioni volte a sostenere la continuità didattica el'orientamento, attraverso apposite reti e Commissioni operanti sul territorio.

 

Una problematica ricorrente nelle osservazioni dei docenti riguarda la partecipazione delle famiglie straniere alla vita scolastica, dato che si associa ad una tendenza generale riguardante tutte le famiglie, all'interno della quale la variabile della provenienza geografica o culturale merita di essere approfondita ma non risulta come esclusiva. In tale direzione alcuni Istituti hanno effettuato la scelta , su di piano comunicativo, di tradurre in versione ridotta il regolamento di istituto, per alcune lingue più rappresentate. Da un confronto su questa tematica emerge che scelte comunicative in tale direzione, non necessariamente ed esclusivamente di carattere normativo (struttura del sistema scolastico, istruzioni per l'uso della scuola e delle materie di studio...), potrebbero migliorare la comunicazione interculturale in ambito scolastico e territoriale.

Normativa di riferimento e indicazioni UE

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione degli alunni stranieri MIUR (2006-2014)
La via italiana per la scuola interculturale e l'integrazione degli alunni stranieri,Osservatorio nazionale MIUR (2007)
DPR N.394 31 Agosto 1999-Autonomia scolastica , Obbligo di istruzione e valutazione
Legge 53/2003-Piani di studio personalizzati
DM 27 Dicembre 2012 (e successive note di chiarimento), Bisogni Educativi Speciali
Indicazioni nazionali per la scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione,MIUR (2012)
Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa,Linee di indirizzo MIUR (22 Novembre 2012)
Art. 9 CCNL Scuola MIUR-Criteri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate nelle aree a rischio, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica
Alunni con cittadinanza non italiana, Rapporto Nazionale MIUR (2013-2014)
Quadro comune europeo di riferimento per le lingue,Consiglio d'Europa (2002)
L'integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa,Eurydice (2004 e 2009)
Guida per lo sviluppo e l'attuazione di curricoli per una educazione plurilingue e interculturale Consiglio d'Europa 2010
L'integrazione scolastica dei bambini in Europa, Consiglio d'Europa 2009

 

Piazza Dante 36, 50013 Campi Bisenzio - Tel. 055 89591 Fax 055 891965
Partita Iva 00421110487 - comune.campi-bisenzio@postacert.toscana.it

  1. Valida il codice XHTML della pagina corrente - collegamento al sito, in lingua inglese, del W3C
  2. Valida il codice CSS - collegamento al sito esterno, in lingua inglese, del W3C
  3. Vai alla dichiarazione di accessibilità
  4. Vai alla dichiarazione di accessibilità