Contenuto della pagina

Recensione di Maria Teresa Callegari - 26 gennaio 2007

Immagine della copertina del libro Dimmi ancora una parola di Iaia Caputo

Dimmi ancora una parola

Dimmi ancora una parola
Iaia Caputo
Guanda, 2006, 179 p.
Coll: P 853.914 CAP

 
 

È un libro che parla d'amore; dell'amore delle donne, di una donna e dell'amore degli uomini.
Quello che mi ha colpito è la scrittura semplice ma efficace, che scorre piacevolmente e ti cattura dall'inizio alla fine. Non solo l'amore, ma anche la passione scorre nelle pagine di questo libro, la passione di una adolescente quindicenne per un uomo più grande di lei: il suo primo amore,il suo amante, che poi, come spesso succede, si rivelerà un uomo debole.
"Cos'è un attimo a vent'anni, quando vita ed eternità sono sinonimi? un attimo è niente, è un granello di polvere, un innocuo supplizio da scacciare come un moscerino, o una lacrima" è una delle frasi particolari di questa scrittrice e giornalista, nata a Napoli nel 1960 e che ha scritto anche un saggio sugli abusi sessuali sui minori in famiglia nel 1995, Mai devi dire.
Dimmi ancora una parola è un libro che nonostante la sua semplicità, fa riflettere sui rapporti che intercorrono in genere fra le persone: marito e moglie, padre figlia, uomo donna: è un libro che parla d'amore,di vita ma anche di morte,che è difficile accettare, come è difficile accettare il distacco e si chiede ancora "dimmi ancora una parola".

 

 
 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO