Contenuto della pagina

Recensione di Anna Milazzo - 25 febbraio 2008

Immagine della copertina del libro I vent'anni di Luz di Elsa Osorio

I vent'anni di Luz

Elsa Osorio
trad. di Roberta Bovaia
Parma, Guanda, 2000

Coll P 863.64 OSO

 
 

Con sei anni di anticipo Elsa Osorio svelò con questo romanzo ciò che più tardi venne scoperto come atroce verità. I vent'anni di Luz è il racconto di un'adolescente alla ricerca della sua identità e della verità.
Luz è figlia di una donna vittima della dittatura, cresciuta nella famiglia dei carnefici di sua madre. Con questo romanzo Elsa Osorio riesce a descrivere la storia dell'Argentina e dell'America Latina usando le parole del cuore.
La letteratura svela una verità che i politici di tutto il mondo hanno tentato di occultare negli anni dell'orrore delle dittature latinoamericane.
La battaglia di Luz ha un finale positivo facendo sperare che anche la notte buia della vita di un continente possa ritrovare la luce e la verità storica.
Il romanzo si svolge lungo un percorso di vent'anni; è una corsa che non lascia spazio alla noia o al distacco emotivo. È un coro di voci e di emozioni che cercano una definizione. Quando Elsa Osorio scrisse questo romanzo nessuno parlava di "appropriazione indebita e sostituzione di identità".
Il dubbio che si annida nei cuori di molti giovani argentini che per qualche strana ragione si sentono estranei alla famiglia che li accudisce trova nel romanzo una nuova chiave di ricerca. Le madri di Plaza de Mayo non erano "locas", non rivendicavano allucinazioni ma figli in carne e ossa che a un tratto scomparivano nel ventre buio di un incubo istituzionale.

 

 
 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO