Contenuto della pagina

25 novembre: Giornata Mondiale per l'eliminazione della violenza contro le donne

 

L'Assemblea Generale dell'ONU ha ufficializzato una data che fu scelta da un gruppo di donne attiviste, riunitesi nell'Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a BogotÓ nel 1981.

Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leˇnidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. Il 25 novembre 1960, infatti, le sorelle Mirabal, mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione, furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio di informazione militare. Condotte in un luogo nascosto nelle vicinanze furono torturate, massacrate a colpi di bastone e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.

In Italia solo dal 2005 alcuni centri antiviolenza e Case delle donne hanno iniziato a celebrare questa giornata. Ma negli ultimi anni anche istituzioni e vari enti, come Amnesty International, festeggiano questa giornata attraverso iniziative politiche e cultura.
Nel 2007 100.000 donne (40.000 secondo la questura) hanno manifestato a Roma "Contro la violenza sulle donne", senza alcun patrocinio politico. ╚ stata la prima manifestazione su questo argomento che ha ricevuto una forte attenzione mediatica, anche per le contestazioni che si sono verificate a danno di alcuni ministri e di due deputate.




 

"domenica prossima, in occasione della Giornata Mondiale per l'eliminazione della violenza contro le donne - dice l'Assessore Ester Artese - la nostra comunitÓ sarÓ protagonista dicendo NO! ad ogni forma di sopruso, violenza e discriminazione".
Lo faremo assieme alle associazioni ed alle realtÓ del territorio (Auser, Circolo Culturale LaRocca, Circolo ARCI Rinascita, CCN - fare centro insieme, Pubblica Assistenza e Sezione Soci Coop).
Alle 11 si terrÓ un flash mob in Piazza Dante "a cui auspichiamo - continua l'assessore - la pi¨ ampia partecipazione di cittadini e associazioni"


"di fronte ai numerosi episodi di violenza - sottolinea lo SPI C.G.I.L. di Campi Bisenzio - non dobbiamo rassegnarci, ma dobbiamo, tutti insieme, compiere atti concreti e incisivi nper sconfiggere questo fenomeno drammatico. Il contrasto della violenza sulla donna deve essere un tema all'ordine del giorno, mettendo in campo atti incisivi e concreti per affermare una cultura del rispetto, della non violenza, della paritÓ e del riconoscimento delle differenze"

 

Iniziative a Campi Bisenzio

 
loc 25 nov 17
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO