Contenuto della pagina

Recensione di Giuseppe Cuminatto - 8 marzo 2012

Immagine della copertina del libro La libertà delle foglie morte di Elide Ceragioli

La libertà delle foglie morte

Elide Ceragioli
La Riflessione, 2011, 304 p.


Coll P 853.914 CER

 
 

Libro con impatto narrativo forte, figurativo, cinematografico, vivo, concreto. Forse il più bel libro, nel suo genere, che ho letto negli ultimi anni, adatto a un pubblico vario ed eterogeneo.
Nel susseguirsi degli avvenimenti che scorrono veloci è facile "entrare" nei personaggi. Il libro è ricco di sentimenti e sensazioni che vengono costantemente trasmessi e fatti vivere al lettore. Si inganna, si lotta, si uccide, si prega, si ama, si soffre e si gioisce... contro il razzismo e per la salvezza degli ebrei e alla fine il colpo di scena, con un tocco di romanticismo, lasciando la speranza.

 

 
 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO