Contenuto della pagina

Recensione di Francesca Cecchi -15 luglio 2004

Immagine della copertina del libro La compagnia dei celestini di Stefano Benni

La compagnia dei celestini

Stefano Benni
Milano : Feltrinelli, 1996
286 p. ; 20 cm (Universale Economica Feltrinelli)
Collocazione: P 853.914 BEN

 
 

E' inutile che insisti, tanto non ci credo, non può esistere Gladonia. È solo un posto inventato, nato dalla fervida fantasia di Stefano Benni. Lui è bravo a giocare con le parole, ad ironizzare.

Dai, non può esistere un posto simile, dove piccoli orfani vengono maltrattati e picchiati, costretti a mangiare una brodaglia rivoltante. D'altra parte è un orfanotrofio, non un albergo di lusso, per citare Sua Eminenza. Anche l'assessore al Malessere Generale non vi ha trovato niente di strano!
Non può esistere la Famburger House, dove vengono serviti hamburger di "non-si-sa-cosa" (carne umana?) e Stracola mentre una canzoncina ripetitiva, di sole due frasi, rincoglionisce i presenti. E' piena fino all'inverosimile e si può fare anche a pugni per entrarci. Ah, dimenticavo: i "negri" non sono ben accetti.
Via, non può esserci un posto dove si viene alle mani per una squadra di calcio: che importa se è migliore la Jumilia o la Floridia? E neanche un posto dove lo stupro viene acclamato al grido di: "Con le donne questo e altro".

E poi si è mai sentito parlare di una certa Rigolone Marina? Quel luogo dove la gente sta sdraiata ore e ore al sole ad abbrustolirsi, dove il mare è infestato dalle più svariate merdaggini, dove la sera ci si rintrona in discoteca ballando gli uni sopra gli altri perché non c'è più posto. Prima c'erano anche gli extracomunitari, ma ora, grazie a patriottici ragazzi, alle loro bastonate e ai loro roghi, tutto è lindo e pulito.
Ma soprattutto non può esistere l'Egoarca Mussolardi, l'uomo più potente e fetente di Gladonia, che comanda tutto e tutti da vero dittatore, né il generale Buonommo, affiliato a Cosa Nostra, che spara tranquillamente sui bambini.
No, mi rifiuto di credere che esiste un mondo dove si sputa in faccia alla povertà, facendola passare per la moda del momento. Non può esistere un mondo così...o sì?

 

 
 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO