1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Contenuto della pagina

Il cittadino contro il PM10


Cittadini ecologici in bicicletta

Come ogni cittadino può combattere il PM10 prodotto dai veicoli?

Ogni cittadino può contribuire a migliorare l'ambiente e in particolare l'aria, adottando le scelte più ecologiche.
 
Per i combustibili dei veicoli è buona norma usare e privilegiare (nell'ordine, dal più ecologico al più inquinante)":

 
  • veicoli elettrici;
  • veicoli a metano;
  • veicoli a gas liquido;
  • veicoli a benzina;
  • veicoli diesel.
 

Dal punto di vista del sistema filtrante, privilegiare veicoli (dal più ecologico al più inquinante):

  • Euro 6       anno 2011
  • Euro 5       anno 2008
  • Euro 4       anno 2005
  • Euro 3       anno 1999
  • Euro 2       anno 1995
  • Euro 1       anno 1992
  • Euro 0
 

Dal punto di vista della propria mobilità, scegliere:

  • di camminare a piedi (migliorerà anche la nostra salute e contribuirà a tenere sotto controllo il nostro peso);
  • la bicicletta (usare la bicicletta, soprattutto nelle piste ciclabili è sicuro, facile e anche sano);
  • il trasporto pubblico;
  • il Car pooling (accordarsi con amici e colleghi per usare un solo veicolo per recarsi ad una stessa destinazione);
  • il Car sharing (più persone condividono uno stesso veicolo).
 

Durante l'acquisto di un veicolo a motore, privilegiare:

  • il veicolo più ecologico (oggi ci sono anche i veicoli ibridi, ovvero che si alimentano da due fonti e che quindi oltre a essere ecologici, permettono di avere un'elevata autonomia);
  • il veicolo che consuma meno carburante.
 

Per il benessere termico del proprio edificio, ogni cittadino, può:

  • coibentare le pareti esterne dell'edificio e usare infissi con doppio vetro;
  • privilegiare i pannelli solari termici e magari anche quelli fotovoltaici;
  • privilegiare caldaie con il più alto rendimento e il più basso consumo;
  • privilegiare la diffusione del riscaldamento, usando sistemi radianti a pavimento (funzionano bene anche con temperature dell'acqua intorno ai 35° C. e sono ideali, se abbinati ai pannelli solari termici);
  • privilegiare combustibili poco inquinanti, tipo il Metano e evitare il riscaldamento a Legna, a Pellets e a Gasolio;
  • non tenere accese le caldaie per più di 10 ore giornaliere;
  • mantenere una temperatura nelle abitazioni non superiore a 19° C e nelle camere da letto a 17° C.;
  • effettuare con regolarità i previsti controlli del sistema di riscaldamento adottato inviando a PubliEs  l'attestazione del controllo effettuato. Ricordiamo che l'efficienza in questi casi è sinonimo di risparmio di denaro e poco inquinamento.
 
Per un mondo che rispetta l'ambiente

Il modello ideale del cittadino ecologico

Abita una casa costruita con materiali eco-bio compatibili e ha installato un impianto di riscaldamento (che regolarmente viene controllato) con impianto radiante a pavimento e alimentazione a pannelli solari. Mantiene la temperatura negli ambienti tra i 17 e i 19° C e regola l'accensine del riscaldamento in modo da non far funzionare la caldaia per otre 8 ore giornaliere. Possibilmente ha un giardino con piante di alto fusto che contribuiscono anche a ombreggiare alcune pareti della casa durante la stagione estiva. L'energia elettrica dell'abitazione è fornita dal proprio impianto eolico o fotovoltaico

 



Ultima Modifica: 08/10/2019

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO