1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Contenuto della pagina

Nidi d'Infanzia comunali

A Campi Bisenzio ci sono due nidi comunali:

 

A. M. Enriques Agnoletti

Stacciaburatta

 

in via Firenze angolo via Brescia, tel. 055 8959339

in via del Tabernacolo (Loc. Capalle),  tel. 055 8959340

 

asilo A.M. Enriques Agnoletti

esterno
esterno
interno
attivitÓ
<< <
> >>

asilo Stacciaburatta

esterno
esterno
interno
attivitÓ
<< <
> >>
 
 

 

Gli spazi

Gli spazi del nido sono pensati e predisposti per favorire sia momenti di gioco individuale che di piccolo gruppo. Le proposte sono articolate in modo progressivo e rispondenti alle esigenze del bambino.

Il progetto educativo

Il nido Ŕ un servizio educativo al quale possono accedere i bambini dai 6 ai 36 mesi di etÓ. Gli educatori e gli operatori del nido contribuiscono insieme alle famiglie al processo di crescita del bambino.
Al nido si lavora attorno ad un progetto educativo condiviso che tiene conto della storia individuale di ogni bambino, delle sue competenze e potenzialitÓ affettive, sociali e cognitive.
Il nido d'infanzia svolge le proprie funzioni all'interno di una prospettiva di educazione permanente, secondo una visione unitaria, globale e continua del processo educativo.

In particolare il servizio concorre:

  • a dare una risposta globale ai bisogni motori, affettivi e cognitivi, che sono propri dell'etÓ e di ciascun bambino;
  • a rimuovere gli effetti negativi delle condizioni sociali e culturali che potrebbero rendere difficile anche la successiva partecipazione alla comunitÓscolastica;
  • a favorire continuitÓ di comportamenti educativi tra ambiente familiare e asilo nido, mediante scambi di conoscenze tra famiglia ed educatori.

Il principale obiettivo educativo consiste nel garantire a tutti i bambini che frequentano il nido un'accoglienza ed un percorso di crescita che tenga conto in ogni momento delle specifiche esigenze di ciascuno.
A tal fine l'azione educativa viene svolta in funzione della socializzazione favorendo l'interazione: tra adulto e bambino con un processo che va dalla dipendenza verso la differenziazione e l'autonomia dall'adulto; tra i bambini stessi inseriti in gruppi organizzati e liberi.
Per consentire il pieno sviluppo cognitivo del bambino, il processo di apprendimento Ŕ mirato all'organizzazione psicomotoria, alla comunicazione non verbale, alla comunicazione verbale, ai processi logici, secondo i metodi della programmazione, della sperimentazione e della verifica.

Il progetto pedagogico

Al fine di raggiungere gli obiettivi educativi ed organizzativi predetti all'interno di ciascun servizio il personale educativo costituisce un gruppo di lavoro che organizza la gestione complessiva del nido, programma le attivitÓ con i bambini e ne verifica gli esiti.
Periodicamente, il personale educativo promuove incontri con i genitori suddivisi per gruppi-sezione per discutere le scelte educative ed organizzative e durante l'anno si tiene almeno un'assemblea congiunta di tutti i genitori.
Vengono inoltre programmati incontri personali (colloqui) con i genitori.

Formazione congiunta 0 - 6

Il coordinamento zonale Fiorentina Nord-Ovest ha organizzato la formazione congiunta per gli educatori/educatrici ed insegnanti dei servizi alla prima infanzia 0-6 ( nidi comunali, privati, scuole dell'infanzia statali, parificate ecc.), nell'anno educativo 2021-2022. 
La formazione ha trattato le seguenti tematiche:

  1. Percorso Educare in Natura
  2. Percorso La Costruzione di un Curricolo 0-6
  3. Percorso Bisogni relazionali specifici dell'epoca del post-covid
 

Le educatrici ed educatori dei nidi d'infanzia comunali partecipano alla formazione del terzo percorso - che si prefigge i seguenti obiettivi:

  • come "aver cura" delle emozioni individuali e delle relazioni di gruppo di educatori, bambini e genitori;
  • come sostenere le esperienze dei bambini;
  • come promuovere il benessere lavorativo;
  • quali strumenti individuare per cogliere tempestivamente i bisogni educativi speciali dei bambini;
  • come co-costruire una relazione efficace con le famiglie nell'ottica di una educazione ecologica che mantenga connessioni significative tra i vari ambienti di vita dei bambini.

Docenti: Laura Fazio e Silvia Iaccarino di Percorsi 0-6
Il personale ausiliario, che ne ha fatto richiesta, partecipa al percorso n. 1 in continuitÓ con la formazione dell'a.e.20/21.

Formazione a regia regionale Leggere:Forte! Fa crescere l'intelligenza

La Regione Toscana, anche quest'anno educativo 2021-2022, ha realizzato percorsi formativi sulla lettura ad alta voce per gli educatori dei servizi educativi e gli insegnanti della scuola dell'infanzia.

Il progetto si propone di favorire lo sviluppo dell'intelligenza cognitiva, emotiva e relazionale dei bambini e dei ragazzi toscani attraverso la pratica sistematica e continuativa della lettura ad alta voce al nido e nelle scuole di tutti gli ordini, come strumento per incrementare il successo scolastico e la costruzione delle competenze per la vita.

╚ dimostrato che la lettura ad alta voce, se praticata con costanza, riesce a colmare gli svantaggi economici e sociali e a consentire a ciascuno di esprimere le proprie potenzialitÓ. Il progetto LEGGERE: FORTE! che prevede due fasi, una di formazione e una di ricerca-azione, Ŕ stato progettato dal professor Federico Batini del Dipartimento di filosofia, scienze sociali umane e della formazione (Fissuf) dell'UniversitÓ di Perugia, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale per la Toscana, con Indire e Cepell (il Centro per il libro e la lettura presso il Ministero dei beni culturali).

Documentazione

 

La carta dei servizi

La Carta dei Servizi nasce come strumento di trasparenza tra la Pubblica Amministrazione ed i cittadini.
Essa costituisce una "dichiarazione d'intenti" con la quale la Pubblica Amministrazione si fa garante del servizio reso secondo i principi fondamentali richiesti dalla normativa in materia di servizi pubblici e, nello specifico, dal Regolamento regionale sui servizi 0-3.

 
 

L'organizzazione

Il Piano Educativo Comunale annualmente individua il numero di bambini che possone essere accolti presso i nidi.
Le attivitÓ sono organizzate per gruppi sezione in cui sono presenti bambini da 6 mesi a 3 anni secondo la modalitÓ del "gruppo misto" che rappresenta una soluzione organizzativa innovativa verso la quale l'esperienza si Ŕ orientata dopo anni di ricerca. Ogni gruppo ha specifiche persone di riferimento: quattro educatori ed un operatore.

Ogni nido comunale Ŕ dotato di una cucina interna gestita da personale specializzato della societÓ pubblica QualitÓ & Servizi S.p.a.
I men¨ sono formulati da esperti e l'alimentazione del bambino Ŕ adeguata secondo l'etÓ.
La comunicazione quotidiana fra genitori e operatori permette una modifica temporanea del men¨ in presenza di particolari stati di salute.

I nidi comunali sono aperti dalle 7.30 alle 17.30.
Gli ingressi sono possibili dalle ore 7.30 alle ore 9.00.

Sono previste tre fasce orarie di frequenza: dalle 7.30 alle 13.30-dalle 7.30 alle 16.15 e dalle 7.30 alle 17.30

 

Come si accede al servizio

Ogni anno, in primavera, dopo l'approvazione del Piano Educativo Comunale, viene pubblicato un apposito Avviso in cui Ŕ indicato il periodo entro il quale i genitori possono inoltrare le  domande d'iscrizione ai Servizi per la prima infanzia comunali.

Quando il numero delle domande di iscrizione supera il numero dei posti disponibili viene predisposta una graduatoria di accesso, suddivisa in 4 gruppi in relazione all'etÓ dei bambini. La graduatoria viene stilata applicando i criteri generali precedentemente approvati dalla Giunta comunale nel Piano Educativo Comunale (PEC).

L'ammissione dei bambini nei nidi comunali viene effettuata secondo l'ordine della graduatoria in riferimento ai posti disponibili per gruppi di etÓ, tenendo conto, se possibile, della scelta effettuata dalla famiglia al momento dell'iscrizione.

 

Le tariffe dei nidi d'infanzia comunali

I genitori concorrono alla parziale copertura delle spese che l'Amministrazione Comunale sostiene per la gestione dei nidi d'infanzia comunali. Annualmente nel PEC viene fissata la quota mensile dovuta dalla famiglia per la frequenza ai nidi comunali e stabilite le agevolazioni tariffarie previste in base alle condizioni economiche della famiglia, calcolate con riferimento all'ISEE  per prestazioni per minori. Per l'ISEE rivolgersi ad un CAAF.

 

Pagamento della quota di frequenza ai nidi comunali

Il pagamento della quota di frequenza Ŕ informatizzato. Ad ogni bambino ammesso al servizio viene assegnato un codice personale di identificazione (codice PAN) al quale vengono associati tutti i suoi dati personali. Da maggio 2017 Ŕ possibile effettuarepagamenti on.line.


 

Normativa di riferimento

 

Info



Ultima Modifica: 05/04/2022

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO