1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Contenuto della pagina

Bando generale di concorso per l'assegnazione di alloggi di E.r.p. Edilizia residenziale pubblica (case popolari). Anno 2020.

 

Con determinazione dirigenziale n. 866 del 30 ottobre 2020 è stato approvato il presente Bando.

Descrizione


Partecipando al Bando è possibile fare istanza per entrare a far parte della graduatoria attraverso la quale vengono assegnati gli alloggi di E.r.p., Edilizia residenziale pubblica, comunemente chiamati "case popolari".

Possono partecipare al Bando:

  • i nuovi aspiranti all'assegnazione;
  • chi è già assegnatario (ed intende, in tale modo, cambiare alloggio).

Devono  presentare una nuova domanda coloro che sono in graduatoria del bando precedente (2018) ed hanno interesse a permanere in graduatoria, in quanto tale precedente graduatoria cesserà di avere ogni effetto a seguito della pubblicazione di quella definitiva del presente bando.

Segue il testo del Bando.

 

Requisiti


Possono partecipare al Bando coloro che, alla data di pubblicazione del Bando:

- hanno la cittadinanza italiana o di uno stato aderente all'Unione Europea;
- se cittadini stranieri: sono titolari di "permesso di soggiorno U.E. per soggiornanti di lungo periodo"; oppure di "permesso di soggiorno" almeno biennale ed esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo; oppure sono in possesso della "carta di soggiorno/carta di soggiorno permanente per i familiari del cittadino comunitario non aventi la cittadinanza di uno stato membro dell'Unione Europea"; oppure sono in possesso di un titolo di soggiorno per rifugiati o per protezione sussidiaria;
- hanno la residenza anagrafica o la propria attività lavorativa stabile ed esclusiva o principale in Toscana da almeno cinque anni anche non continuativi;
- hanno la residenza anagrafica nel Comune di Campi Bisenzio; o, in caso di residenza in altro Comune, la loro attività lavorativa nel Comune di Campi Bisenzio;
- non hanno avuto condanne penali passate in giudicato per delitti non colposi per i quali sia prevista la pena detentiva non inferiore a cinque anni, oppure non abbiano scontato la relativa pena;
- hanno una situazione reddituale del nucleo familiare non superiore alla soglia I.S.E.E. di euro 16.500,00 (sedicimilacinquecento/00), risultante da un'attestazione I.S.E.E.  in corso di validità (con D.s.u. sottoscritta quindi nel corso del 2020);
- non sono titolari di diritti di proprietà o usufrutto, di uso o abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare ubicato ad una distanza pari o inferiore a 50 Km. dal Comune di Campi Bisenzio; si considera "inadeguato" l'alloggio nel quale risiedano due o più persone a vano utile;
- nonsono titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano o all'estero, ivi compresi quelli dove ricorre la situazione di sovraffollamento, il cui valore complessivo sia superiore a € 25.000,00, che non siano utilizzati per l'attività lavorativa prevalente del nucleo richiedente. Si può essere titolari dei suddetti diritti reali su immobili quando il nucleo richiedente è titolare di un solo immobile ad uso abitativo con riferimento a ciascuna delle seguenti fattispecie: 1) coniuge legalmente separato o divorziato che, a seguito di provvedimento dell'autorità giudiziaria, non è assegnatario o comunque non ha la disponibilità della casa di cui è titolare; 2) alloggio dichiarato inagibile da parte del Comune o altra autorità competente; 3) alloggio sottoposto a procedura di pignoramento, a decorrere dalla data di notifica del provvedimento emesso ai sensi dell'art. 560 c.p.c. Possono, inoltre, partecipare al bando i titolari di diritti reali su immobili ad uso abitativo, assegnati in sede di separazione giudiziale al coniuge, ovvero i soggetti titolari pro-quota di diritti reali su immobili, il cui valore catastale complessivo sia superiore al limite di € 25.000,00,  in casi debitamente documentati di indisponibilità giuridica delle quote degli immobili stessi.
- non hanno un valore del patrimonio mobiliare ai fini I.s.e.e. superiore a € 25.000,00;
- non hanno un valore del patrimonio complessivo ai fini I.s.e.e. superiore a € 40.000,00;
- non sono titolari di natanti o di imbarcazioni a motore o a vela iscritti nei prescritti registri, salvo che costituiscano beni strumentali aziendali;
- non sono titolari di un autoveicolo immatricolato negli ultimi 5 anni avente potenza superiore a 80 KW (110 CV), a meno che non costituisca bene strumentale aziendale;
- non hanno avuto precedenti assegnazioni in proprietà, o con patto di futura vendita, di alloggi realizzati con contributi pubblici o finanziamenti agevolati concessi per l'acquisto in qualunque forma dallo Stato, dalla Regione, dagli enti territoriali o da altri enti pubblici, con esclusione dei casi in cui l'alloggio sia inutilizzabile o perito senza dare luogo al risarcimento del danno;
- non sono stati destinatari di dichiarazioni di annullamento dell'assegnazione o di dichiarazioni di decadenza dall'assegnazione di un alloggio di E.r.p. per i casi previsti dall'art. 38, comma 3, lettere b), d), e) ed f) della l.r.t. n. 2/2019, salvo che il debito conseguente a morosità sia stato estinto prima della presentazione della domanda;
- non occupino abusivamente al momento o non abbiano occupato senza autorizzazione alloggi di E.r.p., nei cinque anni precedenti la presentazione della domanda.

Tuttii requisitidi cui sopra (eccetto per la cittadinanza, l'assenza di condanne e la residenza/attività lavorativa in Comune di Campi Bisenzio e per la residenza/attività lavorativa in Toscana negli ultimi cinque anni) devono essere posseduti dall'intero nucleo familiare del partecipante al Bando.

 

Modalità di richiesta


Gli interessati dovranno presentare domanda di partecipazione al Bando utilizzando esclusivamente la MODALITA' ON LINE, accedendo alla piattaforma "FIDO" entro e non oltre il termine perentorio inderogabile delle ore 12,00 del giorno 31 dicembre 2020.

Per accedere alla piattaforma  "FIDO" è necessario disporre di:

  • la propria tessera sanitaria attivata e con il relativo codice pin, oppure:
  • le credenziali S.p.i.d. (Sistema Pubblico di Identità Digitale), oppure:
  • altra C.N.S. (Carta Nazionale dei Servizi).

ATTENZIONE: LA PIATTAFORMA F.I.D.O. NON  SARA' DISPONIBILE DALLE 14.30 ALLE 15.30 DEL 20/11/2020 PER MANUTENZIONE.

 

Dove rivolgersi


ATTENZIONE: GLI UFFICI DEL COMUNE NON EFFETTUANO ASSISTENZA ALLA COMPILAZIONE!

Per avere informazioni sul Bandopuò essere contattato l'Ufficio Casa ai seguenti recapiti:
- mail serv.soc@comune.campi-bisenzio.fi.it
- telefono 055/8959301 - 313

Per avere assistenza in caso di problemi tecnici informatici sulla piattaforma "FIDO" è possibile contattare il Servizio Innovazione mediante:
- messaggi Whatsapp:  389 515 35 35 (no chiamate)
- mail:  fido@comune.campi-bisenzio.fi.it

Si informa che presso lo Sportello Polifunzionale è presente una postazione con personal computer dove, chi non ha un computer a disposizione, potrà accedere alla piattaforma "FIDO" per presentare la domanda di partecipazione al Bando.
Si avverte che, presso tale postazione, non è possibile scansionare documenti che, pertanto, dovranno essere portati già scansionati su un "pennino" usb o altro sistema di archiviazione usb.
Chi ha necessità di utilizzare, autonomamente, la suddetta postazione può fissarla su appuntamento scrivendo una mail a urp@comune.campi-bisenzio.fi.it o telefonando al numero 055/8959 678
Si rimarca che presso la suddetta postazionenon viene prestata alcuna assistenza alla compilazione della domanda.

 

Documenti OBBLIGATORI da presentare


Tutti i requisiti potranno essere autocertificati ad eccezione di quanto di seguito specificato, che dovrà essere allegato alla domanda:

1)  titolo di soggiorno (e attestazione dell'attività lavorativa nei casi previsti) per i cittadini non appartenenti alla Unione Europea;
2) documentazione comprovante l'attività lavorativa a Campi Bisenzio (solo per coloro che non sono residenti a Campi Bisenzio) ad esempio: estratto conto I.n.p.s., attestazione del datore di lavoro, copia del contratto di lavoro con specificata la sede di lavoro etc...;
3) documentazione comprovante l'attività lavorativa stabile ed esclusiva o principale nell'ambito della Regione Toscana da almeno 5 anni anche non continuativi (solo per coloro che non sono residenti nella Regione Toscana da almeno 5 anni);
4) documentazione comprovante la perdita del diritto all'abitazione nella casa di cui si è titolari, nei casi previsti dal Bando:
5) se titolari di diritti reali:  documentazione relativa all'utilizzo dell'immobile per attività lavorativa prevalente del richiedente; documentazione comprovante la non assegnazione e/o la non disponibilità della casa di cui si è titolari; documentazione sulla inagibilità dell'alloggio; documentazione sul pignoramento ex art. 560 c.p.c.;
6) se titolari pro quota di diritti reali su immobili di valore catastale maggiore di € 25.000: documentazione relativa alla indisponibilità giuridica delle quote;
7) se titolari di natanti o imbarcazioni superiori a metri 10, documentazione relativa all'utilizzo quali beni strumentali aziendali;
8) se titolari di autoveicoli di potenza superiore a 80 KW (110 CV), documentazione relativa all'utilizzo quali beni strumentali aziendali;
9) marca da bollo da € 16,00 da indicare nell'apposito form previsto sulla piattaforma F.i.d.o.

 

Documenti FACOLTATIVI da allegare


Coloro che chiedono determinati punteggi , per i quali sia prevista la presentazione di specifica documentazione, la potranno allegare alla domanda di partecipazione al Bando o la potranno presentare, sempre tramite Fi.d.o., successivamente, entro il termine perentorio previsto per la presentazione dei ricorsi avverso la graduatoria provvisoria.

La documentazione da allegare, a dimostrazione del punteggio richiesto è la seguente:

a. documentazione attestante il reddito non ricavabile da I.s.e.e., ad es. per contratti di lavoro domestico C.u. datore di lavoro o estratto conto I.n.p.s. (punteggio a-1, a-1bis);      
b. certificazione di invalidità rilasciata dalla competente Commissione medica per l'accertamento dell'invalidità civile, delle condizioni visive e della sordità dell'Azienda U.s.l. territoriale e/o da altre eventuali autorità competenti in materia (punteggio a-4);
c. certificazione di handicap in gravità ex  art. 3, comma 3. l. 104/ 92 (punteggio a-4 bis);
d. documentazione attestante la sede di lavoro per la dimostrazione della pendolarità, ad es. contratto di lavoro, attestazione del datore di lavoro, contratto di lavoro con specificata la sede di lavoro (punteggio a-5);
e. documentazione sulla regolarità del pagamento dell'assegno di mantenimento, ad es. sentenza Tribunale e ricevute versamenti a coniuge/figli) (punteggio a-8);
f. documentazione relativa all'alloggio improprio, rilasciata dai competenti uffici del comune o da un tecnico individuato dal richiedente (punteggio b-1);
g. documentazione relativa a barriere architettoniche non facilmente eliminabili, rilasciata da tecnico individuato dal richiedente e attestazione medica della grave e permanente difficoltà di deambulazione rilasciata dalla competente Azienda U.s.l.  territoriale (punteggio b-2);
h. documentazione per il calcolo dell'incidenza del canone di affitto sul reddito imponibile: 
- contratto di locazione;
- registrazione del contratto di locazione;
- ricevute di pagamento del canone di locazione riferite all'anno 2019;
- documentazione del reddito imponibile relativa all'anno 2019 (punteggio b-4);
i. provvedimento di espropriazione forzata a seguito di pignoramento, unitamente alla documentazione sulle cause del mancato pagamento, ad es. licenziamento, riduzione dell'orario, cassa integrazione, mancato rinnovo di contratti a termine, cessazione di attività libero professionale, malattia grave (punteggio b-5);
j. provvedimento di sfratto per morosità o finita locazione e relativa convalida di data non antecedente a due anni, unitamente alla documentazione comprovante la morosità incolpevole, ad es. licenziamento, riduzione dell'orario, cassa integrazione, mancato rinnovo di contratti a termine, cessazione di attività libero professionale, malattia grave (punteggio b-5);
k. documentazione comprovante la coabitazione con altri nuclei familiari (punteggio b-6);
l. documentazione  comprovante l'attività lavorativa a Campi Bisenzio (solo per coloro che non sono residenti a Campi Bisenzio) da almeno 10/15/20 anni, ad es. estratto conto I.n.p.s., attestazione del datore di lavoro, contratto di lavoro con specificata la sede di lavoro (punteggio c-1);
m. contribuzione fondo GESCAL per almeno 5/10 anni trattenuta dalla busta paga per rapporti di lavoro dipendente fino al 31.12.1998, ad es. copia libretto di lavoro, estratto contributivo INPS) (punteggio c-3).

 

Costi


Non vi sono costi per la partecipazione al Bando tranne la marca da bollo da € 16,00.

 

Formazione delle graduatorie


Il Comune, entro i 120 (centoventi) giorni successivi al termine fissato nel Bando per la presentazione delle domande, procede all'adozione della graduatoria provvisoria secondo l'ordine dei punteggi attribuiti a ciascuna domanda.

Entro 30 (trenta) giorni dalla pubblicazione della suddetta graduatoria provvisoria all'Albo pretorio on line, gli interessati possono presentare opposizione alla Commissione comunale E.r.p. e Mobilità del Comune di Campi Bisenzio.

Entro 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria il responsabile del procedimento inoltra la graduatoria provvisoria alla suddetta Commissione comunale, unitamente alle opposizioni presentate; la Commissione, entro 90 (novanta) giorni dal ricevimento degli atti, decide sulle opposizioni e formula la graduatoria definitiva.

Ove vi siano più richiedenti in possesso del medesimo punteggio, l'ordine della graduatoria è stabilito in base alla progressività crescente della situazione reddituale rilevata ai sensi di legge (meno favorevole sarà la situazione economica e più elevata sarà la posizione in graduatoria).

A seguito della pubblicazione della graduatoria definitiva verranno assegnati gli alloggi disponibili secondo l'ordine di punteggio e tenuto conto delle dimensioni degli alloggi stessi; fino a quel momento gli alloggi verranno assegnati secondo l'ordine della graduatoria del Bando precedente.

 

Ricordarsi di...


  • disporre della carta sanitaria con codice pin o della identità digitale S.p.i.d. o di altra C.n.s.;
  • avere un'attestazione I.S.E.E. in corso di validità (ottenuta cioè nel 2020);
  • presentare la domanda entro e non oltre le ore12,00 del 31/12/2020.
 

Note


Si ricorda che il presente è un Bando generale, al quale devono partecipare anche gli interessati che sono già inseriti nella graduatoria relativa al Bando E.r.p. del 2018 e che hanno interesse ad essere in graduatoria; la suddetta graduatoria del 2018 cesserà ogni effetto ed ogni validità a seguito della pubblicazione della graduatoria definitiva conseguente a questo Bando.

Coloro che, nel proprio certificato anagrafico, hanno lo stato civile "ignoto" o "omesso" (senza indicazione, cioè, della dicitura "celibe", "nubile", "coniugato" e via dicendo) devono presentare istanza di aggiornamento all'ufficio di anagrafe del Comune di residenza entro e non oltre il termine perentorio stabilito per la presentazione dei ricorsi contro la graduatoria provvisoria, presentando a questo Ufficio Casa - sempre attraverso la piattaforma F.i.d.o. - copia della ricevuta della suddetta richiesta di aggiornamento.

 

Normativa


  • L.r.T. n. 2/2019 nella sua formulazione successiva alla L.r.T. n. 52/2020;
  • Regolamento  delle modalità di assegnazione e di utilizzo degli alloggi di Edilizia residenziale pubblica" approvato con deliberazione del Consiglio comunale  n. 169 del 15.10.2020, immediatamente eseguibile.


Ultima Modifica: 20/11/2020

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO