1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
Contenuto della pagina

Referendum del 12 giugno 2022

Referendum popolare abrogativo del 12 giugno 2022

 

Nella Gazzetta Ufficiale n. 82 del 7 aprile sono stati pubblicati i decreti del Presidente della Repubblica del 6 aprile 2022 con i quali sono indetti, per domenica 12 giugno 2022, i cinque referendum popolari abrogativi ex art. 75 della Costituzione, dichiarati ammissibili con sentenze della Corte Costituzionale nn. 56,57,58,59 e 60 in data 16 febbraio - 8 marzo 2022.

L'art. 75 della Costituzione così dispone:

E` indetto referendum popolare  per deliberare l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge , quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto  di autorizzazione a ratificare trattati internazionali .
Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.
La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.
La legge determina le modalità di attuazione del referendum.

Le denominazioni dei quesiti

I quesiti riportano le seguenti denominazioni :

  1. Abrogazione del Testo Unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi;
  2. Limitazione delle misure cautelari: abrogazione dell'ultimo inciso dell'art. 274, comma 1, lett. c) codice di procedura penale, in materia di misure cautelari e segnatamente, di esigenze cautelari, nel processo penale;
  3. Separazione delle funzioni dei magistrati. Abrogazione delle norme in materia di ordinamento giudiziario che consentono il passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa nella carriera dei magistrati;
  4. Partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di Cassazione e dei Consigli Giudiziari. Abrogazione di norme in materia di composizione dei Consiglio direttivo della Corte di Cassazione e dei Consigli Giudiziari e delle competenze dei membri laici che ne fanno parte;
  5. Abrogazione di norme in materia di elezioni dei componenti togati del Consiglio Superiore della Magistratura.
 

Il quorum necessario per la validità del referendum

Con il termine quorum, di chiara provenienza latina (letteralmente significa "dei quali"), viene indicata la quota minima, calcolata numericamente oppure in percentuale, dei voti espressi o dei votanti, richiesta perchè una delibera, una elezione, una consultazione referendaria, sia considerata valida.  Per la validità della consultazione referendaria popolare è necessario che si rechino alle urne metà degli aventi diritto al voto più uno.
Questo è quanto stabilisce l'articolo 75, IV comma della Costituzione che testualmente recita :  "La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi."

 

Quando si vota

La votazione si svolgerà nella giornata di Domenica 12 giugno dalle ore 7,00 alle ore 23,00.

Documenti occorrenti

L'elettore, per votare, deve esibire al Presidente di seggio la tessera elettorale personale ed un documento di riconoscimento.

Gli Uffici anagrafici in piazza Dante 36 saranno aperti il giorno 12 giugno 2022 dalle ore 07:00 alle ore 23:00 con orario continuato, per il rinnovo di carte d'identità deteriorate, scadute o smarrite.

Chi può votare

I cittadini italiani iscritti alle liste elettorali che entro il giorno fissato per la votazione abbiano compiuto il 18° anno di età.
Non è prevista la possibilità di esercitare il diritto di voto da parte di persone aventi cittadinanza straniera seppure di uno Stato membro dell'Unione Europea..

Come si vota

Al seggio, dopo aver presentato la tessera elettorale ed il documento di riconoscimento, vengono consegnate una matita copiativa e le schede corrispondenti ai 5 referendum ( ovvero solo quelle relative ai quesiti su cui si intende esprimersi ).
Ciascun elettore ed elettrice può esprimere il proprio voto tracciando un segno sul riquadro corrispondente alla risposta prescelta (SI per abrogare la norma NO per mantenerla).

Individuazione degli spazi stabiliti per la propaganda referendaria, loro delimitazione, ripartizione ed assegnazione

La Giunta Comunale, tra il 33° e 31° giorno antecedente la votazione, con proprie deliberazioni dispone l'individuazione delle postazioni dove poter affiggere stampati, giornali murali o altri manifesti per la propaganda referendaria dei partiti o gruppi politici rappresentati in parlamento e i promotori del referendum.

 

Per comodità di consultazione, le altre informazioni ritenute utili sono state catalogate in due sezioni, una Elettori che riunisce le informazioni di maggiore interesse per l'elettore, l'altra Gruppi Politici che raccoglie informazioni mirate per i partiti/movimenti politici impegnati nella campagna elettorale.


 

Elettori

Le sezioni elettorali
A Campi Bisenzio sono 39 le sezioni elettorali. Gli elettori votano nella sezione elettorale il cui numero è riportato sulla tessera elettorale.
Tutte le sedi e le sezioni elettorali del nostro Comune sono prive di barriere architettoniche.

La tessera elettorale
La tessera elettorale è il documento che permette l'esercizio del diritto di voto e che attesta la regolare iscrizione del cittadino nelle liste elettorali del comune di residenza. In questa sezione sono indicati anche gli orari di apertura degli uffici comunali per il rilascio della tessera elettorale.

Voto degli italiani residenti all'estero o temporaneamente all'estero

Informazioni sulle modalità e i termini per l'esercizio del diritto di voto.

Voto domiciliare
Entro lunedì 23 maggio, l'elettore in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali o affetto da gravissime infermità tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione può chiedere di votare a domicilio.

Agevolazioni viaggio
Agevolazioni di viaggio applicate da enti o società che gestiscono i relativi servizi di trasporto.

Servizio di trasporto ai seggi
Grazie alla collaborazione delle associazioni di volontariato, tutti gli elettori impossibilitati a muoversi autonomamente per ragioni fisiche, potranno essere accompagnati gratuitamente presso i seggi elettorali. Occorre prenotare telefonicamente il servizio di trasporto.

Voto assistito
L'elettore che ha una infermità fisica che gli impedisce di votare autonomamente, può avvalersi della facoltà prevista dalla legge, di essere accompagnato nella cabina elettorale da una persona di sua fiducia.

Protocollo Sanitario
Emanate le regole per la prevenzione al contagio di SARS-Cov 2

Gruppi Politici

Seggi elettorali
Composizione del seggio elettorale e relativi compensi.

Propaganda elettorale e comunicazione politica
Adempimenti e divieti previsti dalla legge in campagna elettorale.

Designazione rappresentanti presso i seggi elettorali
Le designazioni dei rappresentanti presso i seggi vengono atte da persona munita di mandato, autenticato da notaio, da parte del presidente o del segretario provinciale del partito o gruppo politico presente in Parlamento oppure da parte dei promotori del referendum.

 
 



Ultima Modifica: 14/06/2022

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO